Ristrutturare casa conviene: + 3.6% nel valore degli immobili.

Lo ha rivelato l’ultimo Rapporto di Scenari Immobiliari (http://www.scenari-immobiliari.it/home.htm) sul recupero edilizio: ristrutturare casa conviene in quanto l’incremento del valore medio degli immobili tocca il 3.6%.

L’analisi, condotta in collaborazione con Paspartu Italy e presentata a Milano pochi giorni fa, ha rivelato come nei 104 capoluoghi di provincia, considerati nella loro fascia semicentrale, si registri questo plusvalore e un guadagno netto di cinquemila euro, considerando un costo di ristrutturazione medio di trentamila euro e uno sconto del 24,3 per cento circa.

Lo studio ha utilizzato il campione statistico dei quartieri semicentrali delle principali città italiane, e come punto di partenza un alloggio di 60 metri quadrati al prezzo registrato a febbraio 2018.

I capoluoghi che hanno manifestato un plusvalore maggiore alla fine del processo di ristrutturazione di un immobile sono Roma, Napoli, Firenze, Milano, Bologna, Venezia, Bergamo, Brescia e Torino (+5.7% nella città piemontese).

Il guadagno medio in euro a Roma tocca quota 39.500 euro, per decrescere nettamente già dalla seconda posizione di questa speciale classifica. A Napoli, infatti, la plusvalenza è di 18mila euro e la percentuale del 9,8 per cento. Qui un appartamento da ristrutturare vale 155mila euro, mentre uno ristrutturato ne costa oltre 202mila. Firenze fa registrare 276mila euro come prezzo medio per un immobile da ristrutturare, con una spesa per i lavori di 33mila euro, creando quindi un plusvalore del 9,5 per cento rispetto al prezzo finale, con un guadagno di 21mila euro sul prezzo di un appartamento già ristrutturato. Nel capoluogo lombardo si ottenfono 25.500 euro dall’acquisto di una casa da ristrutturare con le successive spese di riammodernamento, ossia il nove per cento su 282mila euro di spesa totali per un investimento del genere.

“Gli investimenti in riqualificazione sul patrimonio abitativo – ha commentato in una nota Mario Breglia, Presidente di Scenari Immobiliari – si confermano il motore del comparto edilizio, giungendo a rappresentare il 38 per cento del valore degli investimenti totali in costruzioni. Rispetto al 2007 il volume degli investimenti in manutenzione straordinaria è raddoppiato in termini reali, con oltre 46,5 miliardi di euro di fatturato nel 2016, che si traducono in 700mila abitazioni ristrutturate”.

Il trend positivo dell’aumento delle ristrutturazioni è destinato a continuare: si stima infatti un +2.4% nel 2018. (trend che conferma la maggiore fiducia del settore, ne abbiamo parlato qui http://www.vivoqui.it/magazine/mercato-immobiliare/mercato-immobiliare-un-2018-tra-prudenza-ed-euforia/). Le imprese di costruzione non potranno che trarre benefici da questi scenari in divenire.

Nel 2017 ci sono state circa 560 mila transazioni e il totale degli immobili “ristrutturati” che sono passati di mano sono stati 130 mila, ossia il 23.2% del totale, con un incremento di quasi il 37% sul 2016.

Guardando ai capoluoghi, sono state Milano e Roma a riportare i risultati migliori con 33 mila transazioni ciascuna.

A Torino si registra il 13 per cento di appartamenti da ristrutturare acquistati nel 2017, in crescita del 25 per cento rispetto al 2016.

Ma è a Napoli che gli appartamenti da ristrutturare sono davvero al top delle transazioni, selezionati dal 30,1 per cento dei clienti, con motivazioni da ricercare nella qualità dello stock a disposizione nel capoluogo, dove le nuove iniziative residenziali scarseggiano.