EcoBonus e SismaBonus: info sulle agevolazioni

Il 26 settembre 2017 l’associazione nazione costruttori edili ha messo online un documento denominato “Ecobonus e sismabonus, guida pratica alle agevolazioni”. Al suo interno, sono contenute tutte le informazioni necessarie per usufruire degli incentivi messi a disposizione dello Stato in materia di bonus energetici e non solo.

L’edilizia a risparmio energetico è chiaramente un trend in crescita ma è anche la direzione accolta dall’Italia e da tutti gli stati membri dell’Unione.

Proprio qualche giorno fa, abbiamo parlato di certificazione energetica soffermandoci sull’utilità di questo strumento per accrescere il valore del nostro appartamento. Oggi ci concentriamo sugli incentivi che lo stato ci mette a disposizione per migliorare il rendimento energetico della nostra abitazione.

Ecobonus – Riqualificazione energetica

Si tratta di un’agevolazione concessa ai privati ma anche ai soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuino lavori sui fabbricati utilizzati per loro attività.

Nel caso di interventi che comportino la riqualificazione energetica dell’immobile, lo stato assicura il riconoscimento di una detrazione IRPEF/IRES del 65% per le spese sostenuto dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017.

Per le imprese che operano nel settore delle costruzioni sono presenti alcune limitazioni: esse non potranno beneficiare degli incentivi se gli interventi sono eseguiti su immobili locati a terzi o immobili la cui produzione e scambio viene diretta dall’impresa.

Attenzione.

Il beneficio non viene erogato in una soluzione, ma viene ripartito in 10 quote annuali di pari importo.

Ecobonus: quali interventi?

Gli interventi agevolabili sono i seguenti:

  • Riqualificazione energetica globale dell’edificio, nel limite massimo di detrazione pari a 100.000 euro.
  • Interventi sull’involucro dell’edificio con detrazione massima pari a 60.000 euro.
  • Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria con limite di detrazione di 60.000 euro.
  • Acquisto, posa e messa in opera di schermature solari nel limite massimo di detrazione fino a 30.000 euro.
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con limite massimo di detrazione fino a 30.000 euro.
  • Acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali a distanza per gli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e climatizzazione dell’abitazione con un massimo del 65% di rimborso delle spese sostenute.

Sismabonus: cos’è e quali sono gli incentivi

Abbiamo visto a grandi linee cos’è l’ecobonus e quali tipi di interventi possono beneficiare di tale incentivo. Anche per il sismabonus parliamo di una detrazione IRPEF/IRES che viene concessa in 10 ratte annuali di pari importo.

La legge di bilancio 2017 ha prorogato per altri 5 anni l’incentivo e probabilmente vi saranno ulteriori aggiornamenti con la legge di stabilità 2018; ma di questo ne parliamo la prossima settimana.

Il sismabonus non può superare i 96.000 euro ed è concesso per tutti gli interventi di messa in sicurezza statica dell’abitazione e degli immobili industriali a destinazione produttiva, che sono situati nelle zone ad alta pericolosità sismica.

La percentuale di detrazione è ripartita in questo modo:

  • 50% per gli interventi antisismici eseguiti sulle parti strutturali, nel caso in cui quest’ultimi non consentano un miglioramento della classe sismica.
  • 70% se l’intervento riesce a ridurre il rischio di una classe.
  • 80% se l’intervento riduce il rischio sismico di due classi.

Per la classificazione sismica del proprio edificio e la scelta dei lavori da effettuare, ti consigliamo di rivolgerti ad un professionista esperto. Quest’ultimo sarà in grado di guidarti nelle scelte, tenendo conto del limite imposto di 96.000 euro per questo tipo di interventi.

Ecobonus e Sismobonus sono due incentivi utili per favorire la ristrutturazione di un immobile. Soprattutto per quanto riguarda l’ecobonus è possibile beneficiare sia dell’incentivo che del risparmio energetico ottenuto grazie ai lavori svolti. Stiamo comunque parlando di interventi cospicui ma che nella maggior parte delle volte, risultano vantaggiosi.